Adobe Xd è il programma definitivo per UX e UI?

separator

É un periodo particolarmente fervido per Adobe: la società californiana ha da tempo intrapreso un percorso di cambiamento dei propri paradigmi che soprattutto l’ha portata dall’offrire strumenti professionistici complessi che l’utente poteva adattare alle proprie necessità, alla creazione di strumenti adatti alle sempre diverse esigenze dei diversi settori professionali. Se un tempo un professionista doveva arrangiarsi con i programmi a disposizione, adesso Adobe sta sempre più settorializzando i propri prodotti.

Diverse le novità sfornate (tra cui anche un applicativo dedicato ai social di cui abbiamo già parlato) che appaiono sul nostro Creative Cloud, ma è vero anche che questo proliferare di programmi a volte risulta eccessivo, costringendo all’acquisto di programmi stand alone che in realtà potrebbero magari essere integrazioni di altri.

Questo è un po’ il caso di Adobe Experience Design CC (o Adobe Xd, per chi è familiare con gli acronimi della casa californiana), programma nel complesso utile, ma che poteva tranquillamente fungere da completamento per altri programmi già esistenti, come Illustrator o Fireworks. Comprensibile però la politica di voler dedicare ad ogni figura professionale dei precisi applicativi, in modo da permettere delle scelte caratterizzanti per la propria Suite.

(Continua su Medium)   (Leggi su TASC)